Blog

STRUTTURA DI UN CONTRATTO INTERNAZIONALE

  • 7 Mag, 2015
  • Admin
  • 0 Comments
  • Contrattualistica internazionale, INCOTERMS, Internazionalizzazione, Made in Italy, Missione Commerciale, PMI,

Se viene intrapresa una trattativa con un partner straniero può essere utile stilare un contratto che sottenda al business futuro, ne stabilisca le regole e stabilisca uno scopo comune. La struttura tipo di un contratto internazionale prevede diverse parti, di cui molte presenti anche nei contratti nazionali.

  1. TEMA DEL CONTRATTO definito tramite l’Oggetto
  2. SPECIFICA DELLA PARTI INTERESSATE in termini denominativi (chi) e giuridici (ruolo)
  3. TEMPI DI VALIDITA’ (da – a)
  4. OBBLIGHI RECIPROCI
  5. INCONTERMS
  6. TERMINI DI PAGAMENTO
  7. PRICING
  8. GARANZIA
  9. TERMINI DI RISOLUZIONE
  10. CLAUSOLE PER INADEMPIMENTO
  11. DEFINIZIONE DEL FORO COMPETENTE

In caso il contratto verta su compra-vendita di merce va gestita con cura la parte relativa:

a) alla consegna della merce in termini temporali

b) all’ accettazione/non-accettazione da parte del ricevente in termini temporali

b) al passaggio della proprietà della merce. Tema che dipende da paese a paese

c) al passaggio del rischio che varia a seconda del regime giuridico stabilito nel contratto

In generale è buona norma non dare per scontato alcun aspetto della partnership specificando quanto più possibile i termini all’interno dei quali si intende collaborare.

Questo permette di evitare interpretazioni che potrebbero dare adito a divergenze e all’ incrinazione dei rapporti tra le parti.

 

Leggi l’articolo sul Giornale delle PMI

05.05.2015

Share This Story

Categories

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *